Close… usa i social per chiudere le tue vendite

I social sono uno strumento aziendale se usati nel modo corretto… non giocare, fai business e trascina i tuoi contatti nel tuo carrello di vendita.

Sei giunto alla fine del tunnel… opss.. del funnel di vendita. No, nessuna luce bianca, se hai fatto tutto bene ci saranno dei bigliettoni verdi ad aspettarti.

Dato che hai letto l’articolo  Building Social Media Muscle, dovresti aver già creato e pubblicato, come consigliatoti, contenuti social di aiuto alla tua audience, coinvolto gli influencer del tuo mercato, utilizzato una strategia multichannel e sfruttato le potenzialità dell’instant marketing.

Poi avrai sicuramente messo in pratica i suggerimenti dell’articolo Convert… identifica e raccogli i dati di contatto attraverso i social, creando offerte premium e postato ricerche esclusive, fatto Retargeting e Remarketing, coinvolto il tuo pubblico con contenuti video, dirette e webinar.

Tutto questo ha attratto e profilato i potenziali acquirenti,ORA DEVI VENDERE!

Close

Per chiudere e garantirti una vendita, devi costruire offerte mirate e promuoverle in modo strategico. Se alcuni seguaci di social media hanno superato la fase di conversione, avrai altri modi per contattarli, quindi quando è giunto il momento di una campagna di marketing, è possibile accedervi in più canali.

Alla fine della giornata, è qui che è necessario seguire da vicino le entrate generate dai tuoi sforzi. Mentre nella fase Attract and Convert hai monitorato la crescita e l’impegno, la fase Close è il punto in cui dovrai tenere traccia dei dollari spesi e dei dollari guadagnati.

Doverosa premessa… se hai letto i precedenti articoli ti ho stressato sull’importanza del Funnel e della corretta strategia. A titolo di promemoria, sintetizzo al massimo:

In Attract hai preso sconosciuti e hai mostrato loro il brand. Quantitativamente lo hai fatto con moltissime persone, diciamo 1000 per semplicità d’esempio.

In Convert hai chiesto Nome, Cognome, mail e N° di telefono (come minimo) trasformandoli in lead. Quantitativamente abbiamo ristretto l’audience ai soli interessati e diciamo siano 100 utenti.

In Close devi chiedere ad ognuno di loro di acquistare. I numeri sono ancora più piccoli ma questi pagano.

In close quindi parli direttamente a persone che conosci. Devi essere super specifico, super personalizzato.

Ma… bando alle chance e veniamo al sodo. Eccoti 4 esempi concreti e veloci per chiudere le tue vendite.

1. Testimonianza dei vostri clienti

Non c’è nulla che può battere la testimonianza di un tuo cliente soddisfatto. Quando in passato ho proposto l’uso di testimonial, la riluttanza a procedere su questa strada, non era tanto sull’efficacia della testimonianza, ritenuta unanimemente utile e positiva, ma sulla presunta riluttanza del testimone a farsi intervistare. La cosa sorprendente è che se un tuo cliente è realmente soddisfatto, sarà non solo felice ma perfino onorato di poter parlar bene di te. Un cliente contattato direttamente dai piani alti, per far parte della vostra strategia comunicativa sarà lusingato ed onorato, di aiutarvi. Mostra ciò che i tuoi clienti già amano del tuo brand, lascia che siano spontanei e condividolo, attraverso i canali sociali.

Attenzione!

Le testimonianze / referenze a voi o al vostro brand a volte sono perfino spontanee. Da parte vostra sarebbe un enorme scortesia non ringraziare il vostro generoso cliente con una condivisione.

Schermata 2017-05-31 alle 09.41.09.png

Testimonials

Le possibilità di sfruttare questo accorgimento sono molte, come Linkedin con le Recommendations o Facebook con le recensioni.

Individuata la testimonia serve un piccolo investimento in denaro. Attraverso un annuncio sponsorizzato potete profilare il target di destinazione e creare appositi bottoni che reindirizzino l’utente ad un’apposita pagina di destinazione dove potrete sbizzarrire la vostra fantasia con demo prodotto, offerte o conversazioni di vendita.

La pagina di destinazione è chiamata “Landing Page” ed ha degli accorgimenti specifici per essere efficace. L’approfondimento sulla Landing Page arriverà a breve.

Se hai fretta sappi che indispensabili solo la semplicità e la Call To Action. La Call to action è ciò che tu desideri che il tuo cliente faccia. Se non lo chiedi non lo farà. Vuoi che acquisti on line? metti in bottone “Acquista” con il carrello di vendita. Vuoi che venga presso il tuo punto vendita? Offrigli un Pass, un buono o un qualsiasi incoraggiamento e fagli scaricare un Coupon dedicato.

2. Anticipa subito il tuo prezzo

Un post a pagamento sui tuoi canali social dove senza timori annunci subito il tuo prezzo, è un ottimo stratagemma se la tua forza è il prezzo. Questo tipo di approccio dovrebbe offrire un’immagine di trasparenza sul tuo prezzo e agganciare il prezzo al vantaggio che il tuo prodotto genera.  In termini di costo pay per click, l’indubbio vantaggio è che a cliccare saranno solo i clienti realmente interessati sia al prodotto che al prezzo.

In passato ho spesso utilizzato questo approccio, anche in modalità offline con flyer e cartellonistica.

Schermata 2017-05-30 alle 21.54.11.png

Anticipa il prezzo

Qui vediamo come Zipcar presenta i vantaggi del proprio prodotto con una comunicazione nitida e pulita. Il prezzo evidentemente punto di forza dell’offerta è messo in bella evidenza. Ciò come detto contribuirà a ridurre la “Frequenza di rimbalzo della pagina” (Bounce Rate) di destinazione quando le persone faranno clic sull’annuncio, conoscendo già il prezzo di vendita.

Opss… 3 promemoria/avvertimenti:

a_ L’annuncio deve essere a pagamento, solo così profili e targettizzi i tuoi clienti.

b_ Targettizza! Targettizza e targetizza!. Non incappare nel macroscopico errore dei bulemici di comunicazioni, che credono che la massima: “Lo dico a tutti, proprio tutti perché così ho più probabilità che qualcuno mi dia retta” sia giusta. No! Meno è meglio! Il massimo è un colpo per ogni cliente, usa il fucile di precisione e non quello a pallettoni.

c_ Cliccando sull’annuncio si deve finire nel tuo carrello di vendita o qualcosa che abbia la medesima funzione.

3. Mostrare il prodotto in azione.

Schermata 2017-05-30 alle 22.05.51.png

Garmin

I tuoi contenuti non dovranno sembrare come roba prodotta da catalogo. Non stai parlando a sconosciuti passanti. Al contrario, mostra come il tuo prodotto si inserisce alla perfezione nello stile di vita quotidiano di quello specifico target di tuoi clienti.

Qui, Garmin ha utilizzato Instagram Ads per pubblicizzare la linea di orologi Garmin Vivoactive. L’immagine è accattivante e racconta una storia, ma soprattutto caratterizza il prodotto. Questa immagine è rivolta al solo pubblico di Garmin che è già transitato in fase Attract & Convert, fruendo di altri contenuti Garmin costruiti intorno al concetto di sport e vita sana.

Il bottone in basso a destra è: “Shop now”.

4.  Fallo free almeno la prima volta.

Nella fase di Chiusura, non è necessario effettuare sempre una vendita direttamente sui social media ed incassare subito. Puoi anche decidere di limitarti a mettere il piede nella porta, per dirla all’americana. I social media, in questo caso, potrebbero essere usati per portare i tuoi fan in un altro canale dove finalmente chiuderai la vendita o per invitare direttamente a casa tua il tuo cliente con un’esperienza diretta in store.

Schermata 2017-05-31 alle 09.44.47.pngSalvage Bar & Lounge ad esempio ha ottenuto un doppio risultato, ha promosso il proprio programma fedeltà su Twitter ed ha regalato ai suoi clienti un free drink da 5 dollari, ben sapendo che la spesa media di un cliente all’interno del locale sarà superiore. Incentivando le persone con 5 dollari di buono spesa ed un’ iscrizione gratuita, il locale si garantisce nuovi clienti al bancone del bar.  Non solo, questo consente al bar di inviare periodicamente altre offerte a sostegno della fidelizzazione e di future nuove vendite.

OK….

Ora hai 3 fasi (Attract, Convert e Close) e  8 strumenti.

Pubblica!

La quarta fase (Delight) con altri 4 strumenti arriverà a giorni.

NB: non dimenticarti di lasciarmi un commento (domanda, richiesta, critica…) e se ti è piaciuto di condividere questo post sui tuoi social.

PS: se nella tua fase operativa, hai dei dubbi, pur banali che siano… scrivimi e cercherò di aiutarti.

Grazie e a presto!