La comunicazione perfetta di un Fitness Club in 7 mosse

Sul web la tua immagine o te la fai tu o te la fanno gli altri. Rendi efficace la comunicazione della tua palestra e fallo velocemente.

Schermata 2016-04-19 alle 14.37.46.png

1° Assioma della Comunicazione: è impossibile non comunicare.

Che tu lo voglia o no, stai comunicando. Perfino il non far nulla è una comunicazione che dai verso l’esterno.

Potrei prenderti e metterti in una di quelle sale da interrogatorio, che vediamo nei telefilm polizieschi americani, con tanto di finto specchio dietro il quale osservare l’imputato.

Tu seduto sullo sedia ed io nascosto dietro il finto specchio, se fossi fermo ed immobile comunicheresti comunque le tue emozioni, paure, tensioni.

Non comunicare è impossibile! soprattutto oggi che viviamo nell’era digitale, dove social network e on-line sembrano saturare o contaminare ogni momento della nostra esistenza.

Ma se proprio non puoi fare a meno di comunicare, allora non è il caso che ti metta a comunicare in modo corretto e soprattutto coerente?

“Sul web la reputazione e la trasparenza o te la fai tu o te la fanno gli altri” Matteo Flora

1_ Facebook

Per prima cosa concentriamoci su Facebook e i suoi 20 milioni di utenti italiani connessi mediamente al giorno.

“Le informazioni non si cercano più, le informazioni si scoprono. Un tempo se avevi bisogno di un’informazione la cercavi su google, oggi la scopri su Facebook mentre fai altro”. Massimo Chieruzzi, CEO di AdEspresso.

Devi accettare la nuova realtà. Fino a ieri l’approccio era “Demand fulfillment” (la domanda viene soddisfatta con la ricerca), ossia quando avevi bisogno di qualcosa lo googlavi in ricerca di informazioni.

Oggi al contrario scopri di aver bisogno di qualcosa mentre cazzeggi su Facebook (“Demand generation” la domanda si autogenera).

Ora, ti invito a riflettere sul cosa tu fai quando sei in Facebook: Sei interessato dai post pubblicitari?

Provo ad indovinare? NO! Sui social si va a buttare il tempo, a pubblicare cose di poco conto, a sbirciare le foto di qualche amica/o e cose di questo genere; non certo per acquistare o prendere decisioni.

Se vuoi usare Facebook in maniera produttiva per la tua palestra, devi utilizzare un approccio adeguato. Stop a pubblicità ed offerte dirette. Devi vedere Facebook come un veicolo per portare traffico da qualche altra parte.

In Facebook devi publicare contenuti formativi, informativi, ludici; purché siano contenuti gratuiti, che costruiscano e migliorino la tua immagine e la tua autorevolezza. Successivamente, facendo leva sulla soddisfazione di avere ottenuto un piccolo arricchimento, il cliente sarà nella condizione ottimale per ricevere una tua offerta. Io sto facendo esattamente questo ora con te… ammesso che tu sia finito qui provenendo da Facebook.

NB: Gli orari migliori per pubblicare sono la mattina 10.00 – 12.00 e nel pomeriggio 15.00 – 17.00.

Questo articolo è il quarto di una seria iniziata con “Come un Fitness Club può battere la concorrenza in 4 mosse”.

La prima mossa è ELIMINARE: “A primavera il Fitness fa pulizia e butta la roba vecchia”.

La seconda è RIDURRE “Taglia i corsi di troppo! il tuo Fitness Club è over size?”.

La terza è AUMENTARE “Come migliorare la soddisfazione del cliente di un Fitness Club”

Ma ora proseguiamo…

2_ Blog: Crearlo non è difficile, mantenerlo aggiornato si, ma qui si tratta di capire quanto tu ed il tuo staff siate costanti.

Per iniziare vai su wordpress.com e gratuitamente avrai tutto il necessario per iniziare in modalità facilitata (wordpress.org è la versione più complessa ma ti permette di avere plugin aggiuntivi e successivamente di guadagnare attraverso banner pubblicitari).

Ma perché dovresti scrivere un blog? Perché il blog è estremamente flessibile e vive allungo. Cosa voglio dire…

Ogni canale tu deciderai di sfruttare, questi ha delle regole molto specifiche: su Twitter avrai 120 caratteri e un’immagine; su Facebook puoi scrivere un po’ di più ma senza esagerare, su Pinterest o Istangram scatti; su YouTube giri. Sul blog scrivi, devi scrivere!

NB: I post con più di 500 parole vengo favoriti a livello di indicizzazione da Google.

Il blog diventa la tua base di partenza, il luogo dove posizionare i contenuti, che attraverso i social divulgherai. Ti basterà prendere l’url della pagina ed incollarlo in Facebook per avere un bel post, cui aggiungere un breve commento.

Ma cosa intendo con vive allungo?  Su twitter la vita media di un twist è brevissima. La capacità di farsi leggere del contenuto è altissima ma si consuma i pochi secondi, seppellita dal flusso continuo. Su Facebook l’intensità è minore ma la capacità attrattiva del post è maggiore, lo sapevi che secondo uno studio della Stanford University tu raggiungerai il 35% dei tuoi amici con ogni post ed il 61% nel corso di un mese? PS: occhio a quello che scrivi, sarà senz’altro letto.

Il blog soprattutto all’inizio sarà debolissimo ed ogni singolo contenuto verrà visto da poche decine di persone ma rimarrà li come una mattonella dell’edificio comunicativo, che stai costruendo.

3_ Copywriting ossia l’arte di scrivere o comunicare per persuadere una persona.

Luca Datteo ci spiega i 5 punti fondamentali per ottenere clienti attraverso il copywriting

  1. Titolo: Cattura l’attenzione! Hai poche parole per mostrare una soluzione facile e veloce.

NB: Cerca di sedurre il bambino che c’è in ognuno di noi, l’emotivo che effettua l’acquisto.

  1. Mostra il vantaggio, spiegando il vantaggio razionale.
  2. Provalo! dai dimostrazioni concrete, opinione dell’esperto, dati statistici che rendano inopinabile quanto affermi.
  3. Dai un buon motivo per agire subito, un premio per superare il dubbio. Siamo degli eterni indecisi e necessitiamo di una piccola spintarella.
  4. Spiega è il passo successivo. Descrivi al potenziale cliente cosa sta per accadere, cosa ti aspetti da lui

5_ Video: Lo sapevi che quasi il 60% delle persone guarda ogni giorno video da mobile? Il picco delle visualizzazioni è tra le 18 e le 23.

Dopo Google, YouTube è il più grande motore di ricerca al mondo.

I video sono SEO friendly. Le probabilità che un video sia indicizzato nella prima pagina è di 53 volte superiore. Le conversioni prendono il volo fino al 300%.

Sono semplici e veloci da girare. Non preoccuparti troppo della qualità, a volte il “fatto in casa” paga di più in termini di visualizzazioni.

6_ News letter

Hai un database con tutti i clienti e non clienti, che hanno messo piede nel tuo Centro negli ultimi dieci anni? Hai contatti telefonici e indirizzi mail di ognuno di loro?

Uno strumento facile e assolutamente poco oneroso è l’invio periodico di una newsletter, con contenuti informativi per lasciare memoria della tua palestra e soprattutto tenere vivo il rapporto con i tuoi potenziali clienti.

Se Hai lavorato bene con social e blog, dovreste aver veicolato i tuoi contatti, attraverso una landing page dove raccogliere almeno la mail.

7_ Sito:

Il sito lo hai? No, nessun problema, puoi farne a meno. L’uso smodato di questo strumento, l’unico fino a pochi anni fa, per darvi visibilità online, l’ha reso quasi inutile se non mantenuto costantemente aggiornato.

Due avvertenze: Non esagerate con la complessità poiché l’uso degli smartphone premia siti semplici e leggeri. Occhio ai costi di realizzo notevolmente più contenuti rispetto al passato grazie alla nascita di appositi siti ove acquistare template preconfezionati.

Ecco fatto… le 7 mosse per avere una comunicazione perfetta sono servite. Siamo franchi… qui siamo solo allo stretching, per vincere la tua personale sfida olimpica serve ben altro ma per iniziare è un’ottima palestra.

Ok?!?

Spero di esserti stato utile.

Nel frattempo, se ti è piaciuto quanto letto, ti invito a condividere questo articolo e mettere un bel “like”.

Manuel Salvi

UP Soluzioni – Fitness Consulting

3 pensieri su “La comunicazione perfetta di un Fitness Club in 7 mosse